Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Una  delibera della Commissione Nazionale ECM offre ai professionisti sanitari su cui vige l'obbligo dell'Educazione Continua in Medicina la possibilità di acquisire i 150 crediti in modo flessibile nel triennio, senza rispettare il precedente obbligo di 50 crediti per ogni singolo anno. Esemplificando si potrebbero acquisire anche tutti i 150 crediti ECM previsti per il triennio formativo in un unico anno.

Di seguito la delibera della CNFC in materia di crediti formativi ECM per il trienno 2017 - 2019 e la delibera inerente i criteri di assegnazione dei crediti.

Sull'Obbligatorietà dei Crediti ECM

Tutti i professionisti psicologi sono tenuti all’obbligo della formazione e aggiornamento continuo. La violazione dell'obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale e' sanzionato sulla base di quanto stabilito dall'ordinamento professionale.

Tale obbligo, già previsto dall’art.5 del Codice deontologico, discende dalle seguenti norme di legge:

Art. 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n. 148 (Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo).

Entrata in vigore del provvedimento: 13 agosto 2011.

 «Art. 3 (Abrogazione delle indebite restrizioni all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle attività economiche). - Commi 1. – 5 -   lettera a (omissis).

b) previsione dell'obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione continua permanente predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai consigli nazionali, fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente in materia di educazione continua in medicina (ECM). La violazione dell'obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale e' sanzionato sulla base di quanto stabilito dall'ordinamento professionale che dovrà integrare tale previsione.