Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Comunicati Stampa

L'Ordine Psicologi Fvg lancia l'allarme: accanto ai pazienti servono seri e preparati professionisti psicologi e non solo psicofarmaci.
Maternità, necessario un supporto di qualità.
Aiutare le mamme ad affrontare la stagione più straordinaria e ardua della vita

 

L’arrivo dei figli, seppur tanto atteso, porta alla ridefinizione dei ruoli di coloro che da coppia diventano anche genitori: ciò comporta, spesso, il dover affrontare emozioni contrastanti, inaspettate, ma del tutto legittime, che difficilmente si riescono a condividere con chi ci sta vicino.
I neonati richiedono un grado straordinario di cure e le mamme sono le dirette interessate a questo accudimento. Nel caso in cui manchi il sostegno e gli investimenti da parte della famiglia siano marginali, ciò può aumentare i costi in termini di dispendio psico-fisico sostenuti dalle madri.

Tribunale dei Minori: gli Psicologi Fvg contro l'ipotesi di abolizione

“Sensibilità umana e professionale, patrimonio fondamentale da non disperdere”

In assoluto accordo con gli Ordini di diverse professionalità che in merito si sono già espressi, ed anche con l’Unione Nazionale Camere Minorili, anche il presente dell'Ordine Regionale degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia Roberto Calvani ha espresso il proprio assoluto dissenso in merito all’emendamento recentemente approvato dalla Commissione Giustizia alla Camera, che approva la soppressione del Tribunale per i minorenni e l’ufficio del Pubblico ministero presso il Tribunale per i minorenni.

Convegno a Udine a cura dell'Ordine regionale degli Psicologi

L'indagine Istat 2014 ha mostrato un trend di peggioramento dello “stato di salute psicologica” degli italiani. Una conferma di quanto l’Istituto Superiore di Sanità aveva già evidenziato riscontrando un disturbo depressivo nel 7% della popolazione, con prevalenza tra giovani e donne. Le stime indicano che otto milioni di italiani soffrono di stati d’ansia, quattro di depressione, altri quattro hanno problemi di insonnia e oltre un milione soffre di disturbo post- traumatico da stress: in tutto, sono 17 milioni gli italiani che soffrono di un chiaro disagio psicologico. Ed una quota di questi sono bambini, ragazzi e giovani.

L'Ordine regionale: “Chi protesta non conosce i contenuti dei progetti e la loro alta valenza educativa nel combattere discriminazione e violenza di genere”

Si è fatto un gran parlare, in questi giorni, di progetti a scuola e di libertà o pericoli per i bambini. Raramente le persone che ne hanno parlato si sono informate sui fatti circa la veridicità e obiettività dell'informazione o la scientificità di essa.
Iniziative ad alto contenuto educativo e psicologico sono state considerate (a volte, e da pochi, capaci, comunque, di farsi sentire più degli altri) come una perdita di tempo, senza considerare la loro importante valenza complementare alla funzione curriculare della scuola e le importanti implicazioni positive nello sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini.

Calvani: “Servono competenze specifiche per individuare profili potenzialmente pericolosi”

In riferimento all'obbligo, per i detentori di armi, di sottoporsi entro il 4 maggio 2015 ad una visita medica per valutare se gli stessi possiedono i requisiti psicofisici al possesso di armi, sia da fuoco sia da taglio, in attuazione al decreto legislativo 29 settembre 2013, n. 121, sono utili, per la delicatezza del tema, alcune precisazioni.

Parteciperà il Presidente Nazionale dell'Ordine degli Psicologi, Fulvio Giardina
Saluto d'apertura dell'Assessore Regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca

Per la prima volta in Friuli Venezia Giulia – seconda regione ad aver introdotto questa novità – si svolgerà sabato mattina, a Udine, in Sala Ajace, nella Loggia del Lionello, con inizio alle 10, la “Giornata dell'impegno solenne dello Psicologo”, che vedrà i nuovi professionisti, neo iscritti, prestare giuramento di fronte ai colleghi dell'Ordine e alle istituzioni locali.

La denuncia del presidente dell’Ordine degli Psicologi: «Famiglie, disabili e anziani vengono abbandonati a se stessi.

Questa è una sanità senza testa»

Nessun supporto all’interno di un progetto organico ai portatori di disabilità e alle donne in difficoltà. Addio anche alle strutture di valutazione neuropsicologica per la diagnosi delle demenze. Finiscono nel limbo i servizi per i minori. Il presidente dell’Ordine degli psicologi del Friuli Venezia Giulia Roberto Calvani boccia la riforma della sanità regionale che è stata recentemente approvata: «È un riforma che delinea una sanità senza testa dove non si fa nulla per integrare la figura professionale dello psicologo. Il testo approvato lascia presagire che i servizi a carattere psicologico non saranno più erogati dal nostro sistema sanitario. Se così fosse questo comporterebbe un taglio netto delle prestazioni essenziali a supporto delle fasce più deboli della popolazione». Insiste Calvani: «La riforma, così come scritta, delinea una sanità dedicata alla sola cura di coloro che sono necessari al sistema produttivo, mentre le fasce più deboli, quelle che richiedono interventi essenziali di carattere psicologico, saranno lasciate sole».


A partire dai portatori di disabilità, cui spesso si associano sintomatologie psichiche anche gravi che, «al compimento della maggiore età, non verrebbero più seguiti dal servizio sanitario regionale non essendo prevista una specifica attribuzione di ruoli e competenze psicologiche. In particolare, ci si è più volte imbattuti nella impossibilità di orientare opportunamente le persone con disabilità adulta, in situazioni di necessità di valutazioni, rivalutazioni, accompagnamento presso un centro adeguatamente preparato e formato sulla disabilità adulta anche per contrastare le “migrazioni” verso centri fuori Regione». Per quanto riguarda i minori, «i servizi, che sono già in serissime difficoltà, con liste di attesa che rasentano in alcune realtà gli otto-nove mesi, non trovano nella legge una precisa collocazione. Non si prende nemmeno in considerazione per gli psicologi liberi professionisti l’opportunità di collaborare, in modalità strutturale, con le ASL e le scuole della Regione per attuare, all’interno di un protocollo definito, le norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico». Anche sulla popolazione anziana, gli effetti sarebbero molto pesanti. «Le strutture di valutazione neuropsicologica, fondamentali per la diagnosi delle demenze e in particolare dell’Alzheimer, non vengono nemmeno prese in considerazione nel nuovo sistema sanitario. Così come i servizi adeguati di sostegno ed accompagnamento della disabilità adulta non trovano compensazione né risposta nella legge».


La riforma porta così ad una serie di tagli che «a fronte dell’aumento delle richieste di intervento psicologico che registriamo da parte di familiari e pazienti, cancellano le parole “psicologia” e “psicologo” dal testo della norma». Questo, sottolinea Calvani, «davanti ad una situazione che vede operare nel sistema sanitario regionale 287 psicologi di cui 196 di ruolo con contratto a tempo indeterminato e 91 con contratti a termine o di diversa natura che si stanno avviando verso una cessazione del servizio. Attualmente gli psicologi svolgono la loro professione in oltre 20 servizi sanitari sia territoriali che ospedalieri con erogazione di decine di migliaia di prestazioni psicologiche. Non è possibile cancellare tutto questo con un colpo di spugna in nome di non si sa cosa».

Nell'ottica della promozione della professione dello psicologo, oggi 29 novembre, alle 11.30 è stato firmato un protocollo d'intesa tra l'Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e il Comune di Colloredo di Monte Albano, nelle persone del dott. Roberto Calvani, presidente dell'Ordine e Luca Ovan, sindaco del Comune di Colloredo di M. A. Presente anche l'assessore alle politiche sociali e sanità, dott.ssa Patrizia Miolo.

Si riportano di seguito le varie fonti che riportano l'intervento del Presidente dell'Ordine degli Psicologi dott. Roberto Calvani su:
  • Accesso alla formazione;
  • Occupazione e sviluppo professionale degli psicologi;
  • Qualità delle prestazioni.