Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Covid-19: novità e aggiornamenti per la professione e i cittadini

Quello dell'autismo è un mondo unico che in questo particolare momento storico sta vivendo un estremo disagio sul fronte psicologico, proprio per le caratteristiche intrinseche del disturbo.

Per delineare un contributo che tenga conto degli elementi che caratterizzano questa realtà così sfaccettata e alla luce del recente rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità, è stato elaborato all’interno della comunità degli Psicologi un vademecum di riflessioni e buone pratiche utili a chi vive da vicino il mondo dell'autismo.

 

Molti colleghi si stanno interrogando su quali sono e saranno le misure di prevenzione da usare negli studi professionali per lavorare in sicurezza durante l'epidemia Covid-19.

La nostra professione, in quanto sanitaria, non ha mai subito una chiusura, ma è stato comunque necessario adattarsi a nuove esigenze. Rispetto a questo, abbiamo parlato molto del lavoro on line e la maggior parte di noi ha sicuramente fatto esperienza e tesoro di questa nuova modalità, che ha molti limiti rispetto alle nostre abitudini, ma offre anche nuove opportunità.

Con la pubblicazione sul sito dell’INAIL delle indicazioni procedurali e degli strumenti utili per realizzare interventi individuali sul territorio, ha preso il via l’iniziativa promossa dall’Istituto, in collaborazione con il CNOP, con l’obiettivo di contribuire alla gestione dello stress e alla prevenzione del burnout di tutti gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Coronavirus.

Pubblichiamo di seguito il documento elaborato dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) con le "Indicazioni per i servizi assistenziali di telemedicina durante l'emergenza COVID-19".

Nel documento sono indicate, tra le altre, le caratteristiche tecniche e le indicazioni procedurali per l'erogazione delle prestazioni da remoto. A pagina 23 è pubblicato un paragrafo specifico per le prestazioni psicologiche erogate da remoto.

Di seguito il link ad un interessante articolo scritto dal Presidente del CNOP dott. David Lazzari:

Pandemia: riconoscere e affrontare il disagio psicosociale

 

Pubblichiamo di seguito la lettera della Società italiana di Analisi Reichiana che mette a disposizione della cittadinanza due brevi video con alcune semplici indicazioni psicocorporee per la gestione dell’ansia e dello stress.

Una proposta di prevenzione, semplice ed immediata che sicuramente non vuole sostituire un intervento psicoterapeutico, né costituire un protocollo di cura, ma risponde alla caratteristica dell’immediatezza che la presente situazione di emergenza richiede.