Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

11 novembre 2017 - ore 8:30 - 14:00

CENTRO CULTURALE CASA A. ZANUSSI - PORDENONE

 

La mattinata di studio si prefigge lo scopo di mettere a confronto la responsabilità civile e l’autonomia professionale, analizzando gli aspetti cardine che regolano il sistema civile e penale in ambito clinico forense e l’intervento dello Psicologo.
Nello specifico le relazioni svilupperanno le seguenti tematiche: per quanto attiene al codice deontologico nell’ambito clinico forense, il Relatore parlerà soprattutto degli artt. 11, 12, 13 (obbligo denuncia/referto, testimonianza ecc.) e del “critico” art. 31, accennando anche al divieto delle prescrizioni delle psicoterapie da parte dei tribunali, ed illustrando i ruoli di tutti i professionisti coinvolti, in ambito forense, nelle procedure peritali nel civile e nel penale.
Si parlerà di riservatezza, sia dal punto di vista deontologico che normativo, che è uno degli elementi fondamentali nella professione dello psicologo. Con l’entrata in vigore del Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali (n. 2016/679) - che sostituirà il D.lgs 196/03 - il tema diventa, infatti, sempre più di attualità. Rilievo sarà anche dato al tema del trattamento dei dati nella professione di psicologo alla luce del nuovo Regolamento Privacy n. 2016/679”.
Per quanto attiene specificatamente alla responsabilità dello Psicologo, nell’ambito civile, si esaminerà la genesi di un possibile danno e la riconducibilità dello stesso alla condotta dello psicologo, mentre sotto il profilo penale, verrà trattata la problematica concernete i reati di natura colposa (più frequenti sono lesioni personali ed omicidio). Infine, concluderà la mattinata di studio, a sintesi di quanto esposto, l’intervento che prenderà in esame la responsabilità civile dello Psicologo intesa quale limite dell’attività del professionista, per chiarire quali sono o possano essere gli spazi per garantire un’autonomia professionale nell’ambito dell’attività quotidiana, senza ripercussioni legali per il professionista ma assicurandogli la massima libertà possibile di agire.
Con questo evento ci si pone l’obiettivo di fornire indicazioni chiare e immediatamente spendibili nella pratica professionale.

Per scaricare il programma completo e la scheda di iscrizione consulta il sito della segreteria organizzativa www.mdstudiocongressi.com: