Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Professione

Notizie e articoli relativi alla Professione

La PEC, o più comunemente posta elettronica certificata, rappresenta l'innovazione nell'ambito della comunicazione tra i  professionisti e le pubbliche amministrazioni. E' un sistema di invio di documenti e messaggi di posta elettronica con valore legale sicuro e regolamentato dalla legge ed è un obbligo per i professionisti

Il D.L. 185/2008 (art. 16 c. 7) ha infatti stabilito per tutti i professionisti iscritti in Albi professionali  l’obbligo di attivare un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.).  Per accedere ai servizi o relazionarsi con molte pubbliche (Tribunali, Aziende Sanitarie, Università, Comuni etc) è ormai necessario usare la PEC. 

Vista l'obbligatorietà, già dal 2009 l'Ordine degli Psicologi del FVG offre ai propri iscritti l'attivazione gratuita di una casella di Posta Elettronica Certificata 

Usare la PEC è semplice come una usare una qualsiasi casella di posta elettronica.

Riassumendo: la PEC è obbligatoria per legge, utile per l'esercizio della professione, gratis perchè la offre l'Ordine, di facile utilizzo. 

A breve tutte le comunicazioni ufficiali dell’Ordine verranno spedite esclusivamente sulle PEC degli iscritti 

Chi non avesse già attivato la sua casella PEC, è quindi invitato a farlo al più presto seguendo quanto riportato nell'apposito tutorial

 

 

Novità per i professionisti che emettono fatture per prestazioni non sanitarie soggette ad IVA nei confronti della Pubblica Amministrazione. 

A seguito della pubblicazione del D.L. n. 87/2018 (cd. “Decreto dignità”) sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 dd. 13.07.2018, il meccanismo dello split payment (scissione dei pagamenti) non trova più applicazione per le parcelle emesse successivamente al 14 luglio 2018 da parte di professionisti e associazioni tra professionisti, i cui compensi sono assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito ovvero a ritenuta a titolo di acconto ex art. 25 D.P.R. 600/1973.

Rimane fermo l'obbligo della Fatturazione Elettronica. 

 

 

Nella seduta di Consiglio del 2/07/2018 è stata approvata la pubblicazione di un nuovo documento sulla Deontologia dal titolo :

100 domande e risposte sul Codice Deontologico degli Psicologi

Il testo di 159 pagine è stato curato da Marco Pingitore e Alessia Mirabelli in collaborazione con la Commissione Deontologica dell'Ordine degli Psicologi del FVG. Verranno affrontati con i pareri di auterevoli esperti le tematiche di maggior interesse per i colleghi:  consenso informato, segreto professionale, referto e denuncia, ambito scolastico, clinico, giuridico, counseling ecc.

Il testo sarà disponibile da ottobre 2018 online e cartaceo.

deontologia 100domande

 

Il giorno 25 maggio entra in vigore il Regolamento Generale Protezioni Dati. Per aiutare gli iscritti nella regolarizzazione della loro attività professionale sono stati pubblicati dei documenti utili. 

Alla voce "Privacy" della pagina Strumenti utili è disponibile per gli iscritti una bozza di Registro dei trattamenti dei dati (o Valutazione dell'impatto) da completare e compilare a seconda delle singole peculiarità professionali in cui dichiarare a priori come vengono trattare i dati. Il Registro dei trattamenti dei dati va redatto, datato, firmato e conservato tra i documenti dello studio. 

Alla voce "Pattuizione - Consenso Informato - Privacy"  della pagina Modulistica  sono disponibili i moduli aggiornati secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento Generale Protezione Dati e comprensivi di tutte le altre informazioni/consensi previsti dalle norme vigenti (consenso informato/pattuzione compenso/dati polizza assicurativa/trattamento dati)

 

 

Segnaliamo la notizia pubblicata sul sito del CNOP sul tema del counseling: 

Dall’inizio del mandato l’azione del CNOP è stata finalizzata alla promozione e alla tutela della Professione, intese come due aspetti inscindibili di un unico obiettivo: accreditare sempre più lo Psicologo nel nostro Paese.

Il riconoscimento di professione sanitaria, i nuovi LEA, il Piano Nazionale Cronicità, i tavoli di lavoro congiunti con i Medici di Famiglia (Psicologo di Base), con i Farmacisti (Psicologo nella Farmacia dei Servizi), con il MIUR (Psicologo nella Scuola) sono solo alcuni esempi. Una Professione più forte ottiene anche maggiori tutele, come dimostrano anche le nuove norme sull’abusivismo.

In questi anni il CNOP è stato molto attento e rigoroso nella tutela, a livello politico e legale, della Professione. Il tema del counseling ne è un chiaro esempio.

Dal 2014 ad oggi abbiamo avviato una serie di iniziative che hanno ribaltato una situazione che sembrava compromessa: ricorso al TAR – vinto dal CNOP – contro il parere del Consiglio Superiore di Sanità che aveva legittimato come autonoma la professione di “counselor”, azione che continuiamo davanti al Consiglio di Stato; azioni legali – vinte dal CNOP – contro i concorsi per counselor banditi dalle Aziende Sanitarie; promulgazione Atti Tipici dello Psicologo che specificano e ricomprendono le attività di counseling; azione – vinta dal CNOP – in UNI per impedire l’attivazione di un tavolo di normazione per la figura del “counselor relazionale”.

In tutte queste azioni vincenti il CNOP ha affermato e difeso il fatto che il counseling è una attività tipica dello Psicologo.

(...)

continua a leggere l'articolo sul sito del CNOP

Si pubblica di seguito un documento prodotto dal CNOP in merito ai cambiamenti introdotti dal Nuovo regolamento europeo 2016/679 (General Data Protection Regulation)

Gli psicologi e la privacy, cosa cambia?