Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Calvani, Fvg: “Innovazione nel segno della tutela della salute"

Lo Psicologo arriva
nel Pronto Soccorso

Presto gli accordi locali per introdurre l’attesa novità


La Conferenza Stato-Regioni poche settimane fa ha approvato le nuove linee guida per le attività di Pronto Soccorso, che contengono gli indirizzi nazionali per il nuovo Triage Intraospedaliero, per l’Osservazione Breve e la gestione del sovraffollamento.
Le linee guida accolgono la prospettiva di una lettura dei bisogni e degli interventi in chiave biopsicosociale e si prefiggono di garantire questo tipo di approccio, sia pure nei limiti e nelle necessità di un contesto di emergenza.

“Viene, quindi, riconosciuta l’importanza degli aspetti psicologici nell'organizzazione e gestione integrata delle attività, così come nella formazione continua ed empowerment del personale - fa sapere il presidente dell’Ordine degli Psicologi Fvg Roberto Calvani -. In questo contesto viene innovativamente valorizzato il ruolo degli Psicologi, il cui intervento è previsto – sulla base di procedure organizzative concordate – nei confronti degli utenti, dei caregivers, degli operatori e rispetto all’organizzazione”.
In particolare, il ruolo dello Psicologo e le competenze psicologiche sono richiamate per tutte le situazioni “che richiedono un contributo specialistico”, “per sostenere l’equipe”, e per una serie di situazioni specifiche: percorso pediatrico, ostetrico, maltrattamenti e agli abusi sui minori, le donne e gli anziani, disturbi della sfera psichica.
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi sta attivando una task force per approfondire le implicazioni operative e organizzative delle linee guida, che metterà a disposizione di tutti gli Psicologi, oltre che di tutte le istituzioni e soggetti coinvolti.
“In questi anni ci sono state molte positive esperienze di collaborazione psicologica nei Pronto Soccorso – ha sottolineato il referente nazionale del progetto David Lazzari – ma la grande novità è che ora esiste un'indicazione nazionale perché questa realtà sia prevista ed estesa a tutto il territorio italiano. Ora si deve passare alla fase attuativa e molti Psicologi dovranno essere arruolati per attuare queste attività”.
“Un ulteriore riconoscimento dei bisogni dei cittadini e del ruolo degli Psicologi – gli ha fatto eco il presidente nazionale degli Psicologi Fulvio Giardina – e il Consiglio avvierà ogni opportuna interlocuzione con Ministero, Regioni e altre Professioni per la loro migliore attuazione”.
Per quanto concerne il Friuli Venezia Giulia, il rapporto con la Regione è nel segno della grande collaborazione: “Con il vice presidente e assessore alla Salute Riccardo Riccardi gli scambi sono continui, efficaci e prolifici - ha spiegato Calvani - e siamo persuasi di poter introdurre questa novità epocale entro i prossimi mesi”.