Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Coronavirus: aggiornamenti per i professionisti

Caro collega,

in queste settimane abbiamo assistito a un cambiamento via via sempre più profondo del modo di vivere e di viversi delle persone. La nostra presenza come professionisti diventa ancora più importante.

Desideriamo ribadire che l’Ordine del Friuli Venezia Giulia, in linea con il CNOP e con le Direttive del Governo, indica che recarsi in studio dallo psicologo è consentito nel rispetto rigoroso delle norme di sicurezza (dirigersi in studio direttamente, rispettare le regole igieniche raccomandate e le distanze). La seduta dallo psicologo si configura come “visita medica” che potrà essere certificata utilizzando eventualmente il modulo previsto dal decreto per gli spostamenti. In caso tu abbia una sala d'attesa, tieni maggiormente distanziate le sedie, ed elimina materiali di gioco/lettura comuni lasciati a disposizione dei clienti. E’ comunque decisamente opportuno e atto di responsabilità il distanziare gli appuntamenti per evitare che i pazienti si incontrino.

Regola di buon senso, lavorando a contatto con altri, è il verificare quotidianamente la propria temperatura e stato di salute. In caso anche solo di leggera febbre o altri sintomi come tosse e dispnea, o di tuoi contatti con persone a rischio, SOSPENDI IMMEDIATAMENTE la tua attività, o passa a modalità online.

Il professionista è libero di poter scegliere, in accordo con il paziente, altre modalità di lavoro (come sedute on line su piattaforme).

Su https://solidarietadigitale.agid.gov.it è possibile reperire numerose risorse di servizi di comunicazione / piattaforme online che possono facilitare le attività dei professionisti in questo periodo, messe a disposizione gratuitamente da varie realtà private.

In questi casi, è sufficiente inviare al paziente la comunicazione di seguito specificata che integrerà il consenso informato già siglato.

Si tratta sicuramente di un setting che ha le sue particolarità e criticità, ma in un rapporto di cooperazione qual è la relazione terapeutica, è certamente attuabile.

"Nel contesto delle misure normative e regolamentari per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19, si integrano le informazioni rese in sede di raccolta del "consenso informato" da Lei prestato, dando atto che la prestazione professionale concordata viene resa per mezzo di strumenti di comunicazione a distanza.

Ad integrazione dell'informativa resa ai sensi dell'art. 13 del reg. 679/16, si comunica che dati personali e particolari necessari a rendere la prestazione professionale verranno trattati con strumenti telematici e di condivisione quali ......... es: (indicare la piattaforma utilizzata come ad es. Skype). Le condizioni d'uso e le regole di privacy degli Strumenti telematici scelti sono quelle indicate nei relativi siti aziendali. Lo psicologo, per quanto di sua competenza, continua a garantire la sicurezza delle informazioni sulla propria rete e sugli elettronici utilizzati (PC, Notebook, tablet ecc.). Lo psicologo assicura il rispetto della normativa in materia di privacy anche nella prestazione a distanza."

Per quanto invece riguarda le sedute in studio, in caso di futuro bisogno, sarà possibile rilasciare ai pazienti breve attestazione (su loro richiesta) di avere prenotato un appuntamento / di aver svolto una consulenza clinica il giorno X in sede Y, da esibire in caso di eventuali controlli.

E' inoltre da chiarire preliminarmente al cliente, laddove dovesse in futuro essere verificata la fondatezza dell’autocertificazione, che il professionista lo potrà eventualmente confermare alle Autorità previa autorizzazione scritta del cliente, e limitandosi a confermare esclusivamente lo svolgimento di consulenza nel dato luogo e ora, senza entrare in alcun modo in informazioni cliniche o personali; questo comporta ovviamente la necessità di esplicare alle Forze dell'Ordine che si è svolta una consulenza con professionista sanitario Psicologo.

L’Ordine degli Psicologi ha il compito di accogliere e trasmettere quanto concesso dalla normativa. Ogni professionista può regolare l’attività in base alle proprie esigenze e a quelle dei pazienti.

Per qualunque ulteriore informazione o chiarimento, vi ricordiamo che il sito dell’Ordine e il sito del CNOP rimarranno sempre aggiornati e a disposizione degli iscritti. A tal proposito, vi rimandiamo alla Newsletter del CNOP del 26/02/2020, che contiene indicazioni per cittadini e psicologi, supporto alle autorità, nonché un Vademecum psicologico orientativo utilizzabile anche con i nostri pazienti.

Ricordiamoci (e ricordiamo ai nostri pazienti) di privilegiare come fonti di informazioni soprattutto i canali ufficiali:

- Ministero della salute: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

- Istituto Superiore di sanità: https://www.epicentro.iss.it.coronavirus/

- Numero verde regionale per il FVG 800500300

- Numero verde Ministero della Salute 1500

Con l’augurio di un buon lavoro

Il Presidente
Dott. Roberto Calvani