Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Gentile collega,

questa settimana ti informiamo rispetto all’avvio di un’indagine dell’AISTED, Associazione Italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione e condividiamo con piacere l’articolo di un nostro collega, psicologo e insegnante, sul tema della Didattica a Distanza.

Un caro saluto,

Roberto Calvani, Giandomenico Bagatin, Debora Furlan, Ivan Iacob


Indagine AISTED

Ti informiamo che AISTED, associazione italiana dedicata allo studio del trauma complesso, dei disturbi dissociativi e della traumatizzazione cronica legata ad abusi e gravi trascuratezze precoci e pervasive, con origine soprattutto, ma non solo, in età infantile, sta avviando la diffusione dell'indagine “Prassi Giudiziarie e Lavoro Socio-Sanitario: Analisi conoscitiva sulla percezione dell'impatto del Trauma e della Dissociazione e sulla qualità dei servizi”.

L’indagine promossa dal gruppo Forense di AISTED si propone di fare una prima analisi conoscitiva su quanto i professionisti del settore abbiano la percezione che le prassi giudiziarie siano trauma informed, ovvero quanto sia diffusa nei servizi giudiziari una cultura volta al riconoscimento, alla comprensione, al contrasto e alla cura di tutti i tipi di traumatizzazione.

Tale iniziativa sarà importante per comprendere meglio il funzionamento dei servizi su scala nazionale, mappare la realtà dei diversi territori coinvolti e costruire nuove possibili prospettive migliorando la qualità del lavoro. I risultati della presente indagine saranno, infine, pubblicati sul sito dell'associazione: https://www.aisted.it/

Puoi partecipare all’indagine cliccando qui


Il contributo di un collega

Sul tema Scuola, ti ricordiamo che puoi trovare sul sito del nostro Ordine regionale e sui nostri canali social l’articolo di un collega, il dott. Tomaso Invernizzi, psicologo e docente presso una scuola secondaria di II grado a Trieste, che contiene le sue riflessioni in merito al ricorso protratto ed esteso della didattica a distanza per bambine/i e ragazze/i.

Leggi l’articolo cliccando qui