Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Gentile collega,

come ultimo atto dell'anno il consiglio dell'Ordine ha approvato le linee guida per la definizione dello Psicologo Neuropsicologo.

Dal punto di vista legislativo nessuna norma vigente riserva le attività tipiche dello Psicologo Neuropsicologo ad una figura professionale con uno specifico e particolare percorso formativo o d'esperienza post laurea né si può sostenere che la neuropsicologia debba essere riservata a quanti sono iscritti nell'elenco degli psicoterapeuti.

Tuttavia il riordino delle Scuole di Specializzazione intervenuto nel 2006 ha sancito la possibilità di istituire, presso gli Atenei, Scuole di Specializzazione in Neuropsicologia di durata quinquennale. Tali scuole definiscono ciò di cui lo specialista si occupa e possono rilasciare il titolo di "Specialista in neuropsicologia". Lo stesso decreto ha stabilito che per il conseguimento del Titolo di Specialista, lo psicologo deve l’acquisire 300 CFU complessivi, articolati in cinque anni di corso. Tale specializzazione abilita all’esercizio della psicoterapia, purché almeno 60 CFU siano dedicati ad attività professionalizzanti inerenti la psicoterapia espletate sotto la supervisione di qualificati psicoterapeuti.

A questo si aggiunge il fatto che le norme che regolano la pubblicità sanitaria affermano che "Il non specialista può fare menzione della particolare disciplina specialistica che esercita, con espressioni che ripetano la denominazione ufficiale della specialita' e che non inducano in errore o equivoco sul possesso del titolo di specializzazione, quando abbia svolto attivita' professionale nella disciplina medesima per un periodo almeno pari alla durata legale del relativo corso universitario di specializzazione presso strutture sanitarie o istituzioni private.. L'attività svolta e la sua durata devono essere comprovate mediante attestato rilasciato dal responsabile sanitario della struttura o istituzione...." , mentre il codice deontologico degli Psicologi italiani impone allo psicologo di usare soltanto strumenti teorico-pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione.

Da questo articolato quadro normativo é derivata la decisione dell'Ordine di permettere a quanti vorranno presentarsi attraverso l’Albo in qualità di neuropsicologi di farlo in coerenza deontologica e secondo un’identificazione pubblica precisa e definita.

Invitiamo tutti i colleghi che ritengano di possedere i requisiti richiesti e che vogliano presentarsi attraverso l’Albo in qualità di Psicologi Neuropsicologi ad inviare apposita autocertificazione alla segreteria dell'Ordine.

Roberto Calvani
Leila Rumiato
Evgenia Gasteratou
Antonella Besa


Psicologo - Nauropsicologo
Dal 26 novembre 2018 possono definirsi “Psicologi Neuropsicologi” tutti coloro i quali ritengono di avere una competenza/esperienza (equivalenti a quanto previsto dal percorso della Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia) che consta in:

a)Iscrizione Albo A Ordine Psicologici del Friuli Venezia Giulia;

b)Titolo di Specialista in Neuropsicologia (DM 332/99; DM 24/07/2006)

In alternativa al punto b) può essere valutata dall'Ordine l'attività professionale e formativa in neuropsicologi per un totale di ore equipollenti a quanto previsto dall'offerta formativa delle relative Scuole di Specializzazione (ad oggi 5.000 ore). L' attività deve essere svolta presso aziende ospedaliere, strutture private accreditate o studi privati.

Fino ad un massimo del 30% di tale attività può essere costituita in alternativa da attività formativa in ambito neuropsicologico. Sono escluse dalla valutazione le attività di tirocinio pre-laurea e/o propedeutiche all’esame di stato.

Tutte le attività ed i titoli devono venir autocertificati ed inviati all'Ordine per la necessaria valutazione di congruità. Solo dopo aver ricevuto la valutazione positiva da parte dell'Ordine l'iscritto potrà definirsi Psicologo - Neuropsicologo.

Non sono previsti limiti temporali per la presentazione delle domande. La prassi è pertanto da considerarsi aperta ed accessibile dai colleghi che dovessero maturare i requisiti nel tempo.

Leggi la notizia sul sito e scarica il modello di autocertificazione.