Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni visualizza le condizioni di utilizzo dei cookies.
Cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Una  delibera della Commissione Nazionale ECM offre ai professionisti sanitari su cui vige l'obbligo dell'Educazione Continua in Medicina la possibilità di acquisire i 150 crediti in modo flessibile nel triennio, senza rispettare il precedente obbligo di 50 crediti per ogni singolo anno. Esemplificando si potrebbero acquisire anche tutti i 150 crediti ECM previsti per il triennio formativo in un unico anno.

Di seguito la delibera della CNFC in materia di crediti formativi ECM per il trienno 2017 - 2019 e la delibera inerente i criteri di assegnazione dei crediti.

Si coglie l'occasione per ricordare nuovamente che "l'ECM si appalesa obbligatoria solo per i sanitari dipendenti dagli enti del SSN, o per quelli che con esso collaborano in regime di convenzione o d'accreditamento, tant'è che questo se ne accolla i costi. Viceversa, per i professionisti, che erogano prestazioni sanitarie non coperte dal SSN, il controllo della prestazione connesso alla formazione e all'aggiornamento e' rimesso, oltre che al mercato (ossia all'apprezzamento, o meno, del cliente-paziente), agli Ordini ed ai Collegi professionali, onde per costoro l'ECM rappresenta un onere, non già un obbligo".

Tuttavia, indipendentemente dalla non obbligatorietà dell'acquisizione dei crediti ECM, lo psicologo è tenuto ad aggiornarsi costantemente mantenendo un livello adeguato di preparazione professionale, secondo quanto definito dall'art. 5 del Codice Deontologico.